esplorazioni

È che la terra è nuda
sento ancora il sapore
di certo era d’estate

l’erba tutta schiacciata
fra i sassi e le cicorie
gusci secchi di chiocciole

non c’era niente di umido
fra i denti e la trachea
l’aria piena di spigoli

ho tenuto il catalogo
corno rotto di bue
cranio di cane (o volpe?)

coccio di vaso (dauno?)
bossolo (rosso) vuoto
coda mozza di lepre

niente di vivo o morbido
usciva allo scoperto
tutto era geometria

c’era anche un po’ di vento
serviva a ripulire
serviva a prepararsi

alla pietra e alla polvere.

nell’immagine: un paesaggio del Tavoliere delle Puglie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...