gli occhi e le parole

Clicca qui per ascoltare e scaricare su DivShare

‘N t’i sinde pure tu l’occhie pe ngolle?

Ièscene sembe vrette

i parole – père quann’ha scasà

ca rrevutanne chepesotte a chèse

a ppuluzzà nge rrive

(iè ‘ssà sta pòvere sparagnatille

a fatìie). A stessa cose iè che l’occhie

sta frische a ddice: a n’ata vanne iè megghie

me’ ca stavote iè ll’ùteme

n’iè mèie l’ùtema vote

i pu pure nzerrà t’i pu cecà

a furie de sta sule

u sa l’occhie ne ti mbacce a ogni déte

pe sott’i pide – l’occhie i ti pe ngolle

tutte cose ha vedè

e i cose so’ sembe i stesse ne ccàgnene

pure i parole hann’a sci fore sembe

o vu o ne vvu – t’i true

ngolle accume te vute.

Non te li senti pure tu addosso, gli occhi? / Vengono fuori sempre sporche / le parole – sembra quando traslochi / che rivoltando sottosopra la casa / non arrivi a pulire / (è troppa questa polvere risparmiatela / la fatica). Lo stesso è per gli occhi // hai voglia a dire: “altrove è meglio / dai che stavolta è l’ultima” / non è mai l’ultima volta / puoi pure chiuderli puoi pure accecarteli / a forza di stare solo // lo sai occhi ne hai su ogni dito / sotto i piedi – ce li hai addosso gli occhi / devi vedere tutto / e le cose sono sempre le stesse non cambiano // anche le parole devono sempre venir fuori / che tu lo voglia o no – te le ritrovi / addosso come ti giri.

Annunci

One thought on “gli occhi e le parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...