in soffitta, con mamma gatta (una poesia di Miriam Bruni)

Mamma gatta ha nascosto i micini in soffitta, e all’orario
prescritto li allatta, con circospezione e nessunissima
fretta. Un poco in disparte, appostata su tegole aguzze,
la bambina non muove che il piccolo petto, leggero,
in trepida attesa di quell’evento perfetto. Pare una statua
di sale a contatto col mare: del mestiere di madre
assorbe ogni piccolo fatto, dal prodigio di quella premura,
al silenzio e alla luce segreta di ogni nobile cura. Sa di lei
mamma gatta, nel buio: sta guardinga, ma senza timore;
intuisce l’aguzza tensione, l’amore di quella bambina
che al sole e ai giochi rinuncia per starle vicina e apprendere
un’arte così sopraffina. Una gatta coi gattini, e una Miri
ammirata che cambia posizione, prende fiato, appagata,
abbassa la tensione. Poi esce, intorpidita, di luce abbacinata.

(Miriam Bruni)

Annunci

One thought on “in soffitta, con mamma gatta (una poesia di Miriam Bruni)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...