sequenza di marzo

Davanti alla mia scuola gli albicocchi
sono già in fiore. La gente
muore – lontano lontano da qui.
La luce troppo forte mi ferisce
gli occhi. Una ragazza
dà l’ultimo tiro alla sigaretta.
Forse non capisce di essere viva
corre – ha fretta. È tardi
infatti – anche per me.
Che io sopravviva ancora chissà quanto
non è giusto – senz’altro.
Però davvero – non ho altro da fare
se non vivere. E in fondo non è poco.
Nel fusto su cui appoggio
la schiena sta ricominciando a scorrere
la linfa. L’aria è piena
di odori che mi rendono intrattabile.
La pressione è instabile ma per ora
il tempo pare regga.
In tutti i pori mi entra l’aria tiepida.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...