ontologia didattica

Mi capita di chiedere: chi sei?
Le risposte in genere sono nette
come possono esserlo a sedici anni
o diciassette. Io sfrutto il vantaggio
della posizione per non rispondere
al contro-interrogatorio: dovrei ammettere
che non ho idea di chi sono – spiegare
che non è un limite ma anzi
un motivo d’orgoglio e che piuttosto
mi interessa la fodera ben liscia
il quadro perpendicolare
la luce allineata e una poesia trasparente
senza spigoli in vista. Troppo difficile
e inutile per di più. Le ragioni
didattiche mi impongono il silenzio.
Capiranno. E altrimenti
non so chi sia il più fortunato.

Annunci

One thought on “ontologia didattica

  1. Difficile, inutile ma forse anche poco umano.
    Si capisce al momento giusto (casomai sia necessario attraversare questo buio) che il vestito che si è scelto non è che un travestimento. Poi si passa tutta la vita a cercarne uno più consono e vicino alla propria persona per scoprire che ahimè è ancora sempre e solo un travestimento. Solo i pazzi vanno in giro nudi. Per quello dicono di essere Napoleone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...