appunti di poetica e retorica

Riflettevo sui criteri che secondo me distinguono una buona poesia da una mediocre.
Me ne sono venuti in mente due.

Il primo è il senso del ritmo. La capacità di far “suonare” la parola: scandirla, esaltarla o, se necessario, spezzarla. Proprio come un bravo jazzista riesce a dar vita a un lick attraverso la gestione delle dinamiche, degli accenti, degli anticipi e dei ritardi.

Il secondo è che una poesia deve fornirmi un’illuminazione estetica. Voglio dire: deve riuscire a farmi vedere le cose in maniera diversa rispetto a come le vedevo prima. Una buona poesia non mi deve proporre le immagini, me le deve imporre.

In fondo, entrambi i criteri si possono riassumere in uno solo: la poesia è uso creativo del linguaggio (che poi, a pensarci bene, è più o meno quello che diceva Roman Jakobson qualche decennio or sono, quando parlava di “funzione po(i)etica” del linguaggio…).

* * *

Corollario 1
Ne consegue che non è poesia parlare di gabbiani, tramonti e cieli stellati (a meno che non si riesca a farlo in maniera nuova e inedita).
E non è poesia l’usare parole “poetiche” (a meno che… vedi sopra).

Corollario 2
Ne consegue anche che la poesia ha assai poco a che fare con le “emozioni”. 

Annunci

One thought on “appunti di poetica e retorica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...