colloqui – 5

Quanto me nessuno ti ha misurata
le gambe tese fino all’anca
sedevi scalza sugli sterpi
con l’odore fuggito nel sale

(a volte la memoria ha uno scarto
non so più fermarti a mezz’aria
la luce dissipata tra le labbra
e questa è fedeltà di infermo)

torniamo ai luoghi più lontani
dove eri tiepida e assonnata
la guancia spenta sulle pagine.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...