comme te si ncantata…

Maggio. Na tavernella
ncopp’ ‘Antignano: ‘addore
d’ ‘anèpeta nuvella;
‘o cane d’ ‘o trattore

c’abbaia: ‘o fusto ‘e vino
nnanz’ ‘a porta: ‘a gallina
ca strilla ‘o pulicino:
e n’aria fresca e ffina

ca vene ‘a copp’ ‘e monte,
ca se mmesca c’ ‘o viento,
e a sti capille nfronte
nun fa truvà cchiù abbiento…

Stammo a na tavulella
tutte e dduie. Chiano chiano
s’allonga sta manella
e mm’accarezza ‘a mano…

Ma ‘o bbì ca dint’ ‘o piatto
se fa fredda ‘a frettata ?…
Comme me sò distratto !
Comme te sì ncantata !…

Salvatore Di Giacomo
(da “Vierze nuove”, 1901)

riflessioni per il sabato santo

Er cimiterio de la Morte

Come tornai da la Madon-dell’-Orto
co cquer pizzicarolo de la scesta,
agnede poi cor mannataro storto
ar Cimiterio suo che cc’è la festa.

Ner guardà cqueli schertri io me sò accorto
d’una gran cosa, e sta gran cosa è cquesta:
che ll’omo vivo come ll’omo morto
ha una testa de morto in de la testa.

E ho scuperto accusí cche o bbelli, o bbrutti,
o ppréncipi, o vvassalli, o mmonziggnori,
sta testa che ddich’io sce ll’hanno tutti.

Duncue, ar monno, e li bboni e li cattivi,
li matti, li somari e li dottori
sò stati morti prima d’èsse vivi.

Roma, 10 dicembre 1832

(Giuseppe Gioacchino Belli)

quell’anime sante e benedette

Santaccia de Piazza Montanara

Santaccia era una dama de Corneto
da toccà ppe rrispetto co li guanti;
e ppiù che ffussi de castagno o abbeto,
lei sapeva dà rresto a ttutti cuanti.

Pijjava li bburrini ppiù screpanti
a cquattr’a cquattro cor un zu’ segreto:
lei stava in piede; e cquelli, uno davanti
fasceva er fatto suo, uno dereto.

Tratanto lei, pe ccontentà er villano,
a ccorno pìstola e a ccorno vangelo
ne sbrigava antri dua, uno pe mmano.

E ppe ffà a tutti poi commido er prezzo,
dava e soffietto, e mmanichino, e ppelo
uno pell’antro a un bajocchetto er pezzo.

II

A pproposito duncue de Santaccia
che ddiventava fica da ogni parte,
e coll’arma e ccor zanto e cco le braccia
t’ingabbiava l’uscelli a cquarte a cquarte;

è dda sapé cc’un giorno de gran caccia,
mentre lei stava assercitanno l’arte,
un burrinello co l’invidia in faccia
s’era messo a ggodessela in disparte.

Fra ttanti uscelli in ner vedé un allocco,
Oh, disse lei, e ttu nun pianti maggio?
Bella mia, disse lui, nun ciò er bajocco.

E cquì Ssantaccia: alò, vvièccelo a mmette:
scéjjete er bùscio, e tte lo do in zoffraggio
de cuell’anime sante e bbenedette.

(Roma, 12 dicembre 1832)

(G.G. Belli)

par na ultima òlta

trar tel fogo arte vèci
par no èser rivadi
a ciaparghe la òlta al tènp
l’è cofà scanzelar par rabia
e po’ ciamarse grami
par oler ben
i screcoléa, i scròca
ma no rivarà, nò, forèsti:
l’é fursi àneme che lontan le ciama
o che in tra de lore le se ciama
par na ultima òlta
fa par colpi de tos
cusì l’è n’antra mòrt
che se dà col gòs sgonfi
de ’n oler ben perdest
e s-céṡene del cor i crèpa i lenċ
par senċ de fun che i se pèrz, i se scònz
in tra stele forèste

Luciano Cecchinel
da “Sanjut de stran (Singhiozzo di strame)”, Marsilio, 2012

per un’ultima volta buttare nel fuoco utensìli vecchi / per non essere riusciti / ad aggirare il tempo / è come cancellare per rabbia / e poi chiamarsi grami / per amore // crepitano, crocchiano / ma non arriveranno, no, forastici: / sono forse anime che da lontano ci chiamano / o che tra loro si chiamano / per un’ultima volta / come per colpi di tosse // così è un’altra morte / che si dà con il gozzo gonfio / di un amore perduto / e schegge del cuore si crepano i legni / per segni di fumo che si perdono, si nascondono, / tra stelle estranee

voci traslate

da Hugo von Hofmannsthal, Ballade des äußeren Lebens 
(qui tutti i dettagli)

I criature tenne l’occhie funne,
ce fanne rosse, mòrene de sùbbete
e nisciune ce vote p’i spià.

E i trigne iàrie ièscene a peróne
i truve nderre accum’e taragnóle
n fa a ttembe a cògghierle e so mbracedète.

E mméne sembe vòrie, e p’i pendùne
scagnème parlamende, e tutt’i iurne
ce sendìme a priezze e a ppecundrìe.

Ce ne ième perdenne mmez’a ièreve,
mmez’a fanóie, àreve, pandène,
sicche e llascùrete accum’e cambesande.

Tutte cose so sfalle, e tande e tande
ca n’i rrive a cundà. E rire, e chiagne
e pu te sckande, e manghe sa u pecché.

E pu? Quèl’iè u uandagge? U fuja-fuje
ce lasse sckitte cchiù vecchie e cchiù sule
a ggereià senza truà na rèqueie.

Che te ne vè, de tutta sta sperienze?
Ca iè ggià ‘ssà se rrive a dice “iè notte”
e ce sinde iumà nu priatorie

pesande accum’e méle da nu cupe.

I bambini hanno occhi profondi, / crescono, e all’improvviso muoiono / e nessuno si volta a guardarli. // I prugnoli aspri diventano susine / li trovi per terra come allodole / non hai il tempo di raccoglierli, che marciscono. // E soffia sempre la tramontana, e ai cantoni / discorriamo, e tutti i giorni / sentiamo l’allegria e la tristezza. // Ci perdiamo per l’erba / per fuochi, alberi, stagni / rinsecchiti e bui come cimiteri. // Tutte le cose sono invano, così numerose / che non arrivi a contarle. E ridi, e piangi / e poi ti spaventi, e non sai nemmeno il perché. // E poi? Che cosa ne ricavi? Questo rincorrersi / ci lascia soltanto più vecchi e più soli / a girovagare senza trovare riposo. // Che cosa te ne viene, da tutta quest’esperienza? / Perché è già tanto se arrivi a dire “è notte” / e senti trasudarne una sofferenza // come miele pesante da un favo.

ancora voci

Febbrère, curte e amère

Mmiéie e ccume fa fridde
pure pe ddind’a chèse

m’ha sumendète nganne
na sfattugghie

ca pure ch’avessa murì mo
manghe me na fedasse
a iavezarme

manghe me n’addunasse.

(ascolta su DivShare)


Febbraio, corto e amaro // Cazzo come fa freddo / anche in casa // mi ha seminato in gola / un’accidia / che anche se dovessi morire adesso / nemmeno ce la farei / ad alzarmi // nemmeno me ne accorgerei.

* * *

Dope ch’ha chiòvete

Dope ch’ha chiòvete u ciéle ce sduèche
ccum’a nu para d’occhie ca ce ddòrmene
l’arie ce rèpe ccum’a nu panne spèse
te’ n’addore de ièreva mbusse
ca ce bburrute pe ssop’a facce
n’de fa lluscià cchiù

ma ji tenghe i mène ca iattèiene
vanne truanne quache ccose
ca u sàpene sule lore

so ppruffediuse*
ne mm’u vonne disce.

(ascolta su DivShare)

Dopo la pioggia // Dopo la pioggia il cielo si svuota / come un paio d’occhi che si addormentano / l’aria si apre come un panno steso / ha un odore di erba bagnata / che si avvolge sulla faccia / non ti fa vedere più // ma io ho le mani che vagabondano / vanno in cerca di qualcosa / che sanno solo loro // sono puntigliose / non vogliono dirmelo

* Pruffediuse, l’ho tradotto con “puntiglioso”, ma la traduzione non mi convince. Propriamente, la parola indica qualcuno che non vuole essere contraddetto, che non sopporta di avere torto e che anzi si impunta, per puro puntiglio, ed è disposto a fare di tutto pur di averla vinta. Non trovo un equivalente preciso in lingua italiana.

Hoffmanstahl: una traslazione sanseverese

A volte mi chiedo quale parte di me partorisca idee così folli: tradurre Hoffmanstahl in dialetto sanseverese.
P
erò, a ben guardare, tout se tient. Il mio interesse per certi poeti anglosassoni (Seamus Heaney, Ted Hughes, Philip Larkin, Robinson Jeffers); la mia repulsione per Petrarca, il poeta del ripegamento sull’Io, e il mio amore per Dante, il poeta dell’estensione verso il Mondo; il mio imbarazzo per quel tono melodioso che sento in certe mie poesie giovanili, come quelle che ho pubblicato nei giorni scorsi. Alla base di tutto, c’è un fastidio verso l’italiano, questa lingua molliccia, untuosa, iperurania, trasudante retorica, fetente di letteratura. Il mio desiderio di una lingua più dura, puntuta, che faccia attrito sulle cose.

Forse proprio il testo di Hoffmanstahl, così lirico e astratto, mi ha fatto nascere il desiderio di traslarlo in un dialetto, come il mio, che di termini astratti non ne possiede, che ti costringe a strofinarti contro il lato più ruvido delle parole. È stata una fatica, perché io il dialetto non lo parlo, o lo parlo male, e comunque l’ho imparato tardi e lo sento come una seconda lingua. Per dire, mi viene molto più facile parlare inglese che non sanseverese.
Quanto al risultato, giudicate voi.

(Qui c’è il testo tedesco originale, qui una traduzione più o meno letterale in italiano; quella che trovate in calce è la traduzione letterale del testo in dialetto).

* * *

I criature tenne l’occhie funne,
ce fanne rosse, mòrene de sùbbete
e nisciune ce vote p’i spià.

E i trigne iàrie ièscene a peróne
i truve nderre accum’e taragnóle
‘n fa a ttembe a cògghierle e so mbracedète.

E mméne sembe vòrie, e p’i pendùne
scagnème parlamende, e tutt’i iurne
ce sendìme a priezze e a ppecundrìe.

Ce ne ième perdenne mmez’a ièreve,
mmez’a fanóie, àreve, pandène,
sicche e llascùrete accum’e cambesande.

Tutte cose so’ sfalle, e tande e tande
ca n’i rrive a cundà. E rire, e chiagne
e pu te sckande, e manghe sa u pecché.

E pu? Quèl’iè u uandagge? U fuja-fuje
ce lasse sckitte cchiù vecchie e cchiù sule
a ggereià senza truà na rèqueie.

Che te ne ve, de tutta sta sperienze?
Ca iè ggià ‘ssà se rrive a dice “iè notte”
e ce sinde iumà nu priatorie

pesande accum’e méle da nu cupe.

da Hugo von Hofmannsthal, Ballade des äußeren Lebens

I bambini hanno occhi profondi, / crescono, e all’improvviso muoiono / e nessuno si volta a guardarli. // I prugnoli aspri diventano susine / li trovi per terra come allodole / non hai il tempo di raccoglierli, che marciscono. // E soffia sempre la tramontana, e ai cantoni / discorriamo, e tutti i giorni / sentiamo l’allegria e la tristezza. // Ci perdiamo per l’erba / per fuochi, alberi, stagni / rinsecchiti e bui come cimiteri. // Tutte le cose sono invano, così numerose / che non arrivi a contarle. E ridi, e piangi / e poi ti spaventi, e non sai nemmeno il perché. // E poi? Che cosa ne ricavi? Questo rincorrersi / ci lascia soltanto più vecchi e più soli / a girovagare senza trovare riposo. // Che cosa te ne viene, da tutta quest’esperienza? / Perché è già tanto se arrivi a dire “è notte” / e senti trasudarne una sofferenza // come miele pesante da un favo.