un pugliese in Friuli (anche se solo in radio)

Stasera, 7 gennaio 2019, alle 19:30 Radio Onde Furlane trasmette un programma sulla poesia dialettale, in cui potrete ascoltare alcuni versi in vernacolo sanseverese, letti dalla mia propria voce in persona, anzi in onde e frequenze.
Il programma si può ascoltare sui 90 Mhz di Radio Onde Furlane e in streaming al sito 
http://www.ondefurlane.eu

Annunci

l’improcrastinabile imperscrutabile imposponibile lista

I libri letti (e i film visti) nel 2018

 

Narrativa (31 + 2 da finire)

Frances Hodgson Burnett, Il giardino segreto (con i bimbi)

Robert A. Heinlein, Anonima stregoni

Antonio Moresco, Fiabe

Antonio Moresco, La lucina

Domenico Maggipinto, Isola

Mark Haddon. Supergute Tage oder Die sonderbare Welt des Christopher Boone

Jules Verne, Il giro del mondo in ottanta giorni (con i bimbi)

Giorgio Vasta, Il tempo materiale

Antonella Giacon, Qualcosa di speciale

Robert Louis Stevenson, L’isola del tesoro (con i bimbi)

Mario Soldati, Lo smeraldo

Giorgio Falco, Ipotesi di una sconfitta

Francesco Dezio, La gente per bene

Ursula K. LeGuin, I reietti dell’altro pianeta

Antonio Lillo, La nostra voce non si spezza

Maupassant, Le Horla (in francese)

Cesare Pavese, Ciau Masino

Chimamanda Ngozi Adichie, Americanah (in inglese)

Geronimo Stilton, Il segreto della famiglia Tenebrax (con i bimbi)

Cesare Pavese, Il compagno

Jack London, Zanna Bianca (con i bimbi)

Cesare Pavese, Paesi tuoi

Cesare Pavese, Il carcere

Gianni Rodari, C’era due volte il barone Lamberto (con i bimbi)

Alexandre Dumas, I tre moschettieri (con i bimbi)

Salman Rushdie, I figli della mezzanotte

Lewis Carroll, Alice nel paese delle meraviglie / Attraverso lo specchio (con i bimbi)

Francesco Pecoraro, Dove credi di andare?

Quincy Jones, Q. The Autobiography of Quincy Jones

John Kennedy Toole, A Confederacy of Dunces

Pasquale Festa Campanile, Per amore solo per amore

Filippo Tuena, Memoriali sul caso Schumann (da finire)

Emilio Salgari, Le tigri della Malesia (con i bimbi) (da finire)



Poesia (20 + 2 da finire)

Maurizio Cucchi, Poesie 1965-2000 (cominciato nel 2017)

Stefania Onidi, Quadro imperfetto

Ungaretti, Il dolore

Magrelli, Poesie (1980-1992) e altre poesie

Greta Rosso, Fenomeni di collisione

Martina Pazzi, Mancati acrobati

Mario Benedetti, Tutte le poesie

Paola Silvia Dolci, I processi di ingrandimento delle immagini. Per un’antologia di poeti scomparsi

Aa.V., Libro soci 2018 (Pietre Vive)

Antonella Anedda, Notti di pace occidentale

Guido Mazzoni, La pura superficie

Cesare Pavese, Lavorare stanca

Cesare Pavese, Poesie del disamore

Cesare Pavese, Poesie (Einaudi, 1998)

Giorgio Bassani, L’alba ai vetri. Poesie 1942-1950

Walter Cremonte, Cosa resta

Ludovico Ariosto, Orlando Furioso (lettura integrale)

Francesco Granatiero, Varde

Tiziano Scarpa, Groppi d’amore nella scuraglia

Lorenzo Chiuchiù, Le parti del grido

Ted Hughes, Moon-Whales (da finire)

Vittorio Sereni, Poesie e prose (da finire)

 

 

Saggistica, biografie (27 + 1 da finire)

Antonio Carioti (a cura di), 1917 ottobre rosso. La rivoluzione russa: i fatti, i protagonisti, il mito (cominciato nel 2017)

Ezio Mauro, L’anno del ferro e del fuoco

Ben Ratliff, Every Song Ever. Twenty Ways to Listen to Music Now (cominciato nel 2017)

Gianfranco Manfredi, Ma chi ha detto che non c’è. 1977 l’anno del big bang

Giacomo Marinelli Andreoli, Nel segno dei padri. La storia di Guglielmina e Peter

Antonio Vigilante, A scuola con la mindfulness

Massimo Montanari, La fame e l’abbondanza. Storia dell’alimentazione in Europa

Antonio Vigilante / Fabrizio Gambassi, Alternativa nella scuola pubblica. Quindici tesi in dialogo

John Reed, 10 giorni che fecero tremare il mondo (abbandonato al secondo capitolo)

Jean Cocteau, Giorgio De Chirico. Il mistero laico

Georges Duby, La domenica di Bouvines

Maria Borio, Poetiche e individui. La poesia italiana dal 1970 al 2000

Italo Calvino, Sono nato in America

(a cura di) Mark Pietralunga, Cesare Pavese and Anthony Chiuminatto. Their Correspondence

Camilla Poesio, Tutto è ritmo, tutto è swing. Il jazz, il fascismo e la società italiana

Antonio Vigilante, La luna nell’acqua. Una mappa per perdersi nel Dharma del Buddha (Wattpad)

Paul Steinbeck, Grande musica nera. Storia dell’Art Ensemble of Chicago

Monaldo Leopardi, Monaldo e Pulcinella. Dialoghi sui rischi della libertà

Cesare Pavese, Il mestiere di vivere

Ruth Benedict, Il crisantemo e la spada. Modelli di cultura giapponese

Cesare Pavese, Lettere 1924-1950 (2 volumi)

Carlo Rovelli, Sette brevi lezioni di fisica

Cesare Pavese, La letteratura americana e altri saggi

Luca Bragalini, Dalla Scala ad Harlem. I sogni sinfonici di Duke Ellington

Aa. Vv. (a cura di A. Botti Caselli), Il pianoforte

Vincenzo Martorella, Ascoltare/scrivere. Manuale (improprio e antologico) di critica musicale

Pietro Citati, Leopardi (da finire)

 

Fumetti

 

Tex n. 687-698

Tex Magazine 2018

Boselli-Mastantuono, Tex. Giustizia a Corpus Christi

Maxi Tex, La grande corsa

Boselli-Majo, I rangers di Finnegan

Color Tex, Piombo e oro

Dixon-Alberti, Cinnamon Wells

Maxi Tex, Deserto Mohave

Tex Magazine. Tex 70 – 1948-2018

Tex Willer, n. 1-2

De Nardo/Riccadonna, Il dono di Atena

Friedl/Nucci/Subic, Il terzo giorno

Morales/D’Agata, Angela

Morales/Voltolini, Giochi di potere

Contu/Baiguera, Ucciderò Madiba

Costantini/Montalbano, Il rianimatore

Cajelli/Susini/Francini, Leone

Manfredi/Lucchi, L’inquisitore

Vitaliano/Calegari, Gli eroi del Messico

Simone Gabrielli, Come quando fuori piove

Polo/Coniglione, Inciso nel sangue

Medda/Barbato/Maresta/De Tullio, Wildlife

Accattino/Bianchi, Il mistero del lago

Brancato/Stellato, Le stagioni del commissario Ricciardi. La condanna del sangue

Aa.Vv., Il commissario Ricciardi Magazine

Terracciano/Nespolini, Le stagioni del commissario Ricciardi. Il posto di ognuno

Barbato/Armitano/Furnò, Mani nude

Brancato/Falco/Terracciano/Siniscalchi, Le stagioni del commissario Ricciardi. Il giorno dei morti

Deadwood Dick, nn. 1-6

Orfani. Sam, nn. 7-12

Orfani: speciale Terra. A proposito del futuro

Mercurio Loi, nn. 9-14

Cani sciolti, nn. 1-2

Leo Ortolani, Ratolik il re dell’errore. Trappola d’amore

Leo Ortolani, C’è spazio per tutti

Rat Man Gigante, nn. 47-

Leo Ortolani, Ratboy

Leo Ortolani, L’inconcepibile Rat-Man

Yuki Kodama, Jammin’ Apollon, nn. 3-9

Star Wars 36 (14 giugno 2018) – Han e Chewie al servizio di un Hutt

Marvel Universo Rinascita 10: Wonder Woman

Sergio Toppi, Colt Frontier

Magnus, Novelle erotiche 1. Dieci cavalieri e un mago / Il teschio vivente

Magnus, Novelle erotiche 2. Mezzanotte di morte / Quella sera al collegio femminile

Sergio Toppi, Warramunga / M’Felewzi / Momotaro

Dino Battaglia, Frate Francesco e i suoi fioretti

Sergio Toppi, Blues / Krull

Paolo Bacilieri, Phonx

Sergio Toppi, Un dio minore

Dino Battaglia, Maupassant

Attilio Micheluzzi, Johnny Focus, voll. 1-4

Sergio Toppi, Il collezionista

Le Tendre/Taduc, Chinaman

Crepax, Conte Dracula/Dr. Jekyll e Mr. Hyde

Le Gris/Siner, Horacio d’Alba. Il re soldato

Filippi/Dodson, Sogni. Fuoco sotto il ghiaccio

Crepax, L’uomo di Pskov / L’uomo di Harlem

Silvia Vecchini/Sualzo, La zona rossa

Zerocalcare, Macerie prime

Giuseppe Palumbo/Lu Xun, Diario di un pazzo

Zerocalcare, Questa non è una partita a bocce (allegato a L’Espresso)

Robert Crumb, The Book of Genesis

Alfonso Font, Racconti di un futuro imperfetto

Giuseppe Palumbo, Ramarro. Guerre fredde

Davide Reviati, Morti di sonno

Ferri-Conrad, Asterix in Italien (in tedesco)

Christin-Mézières, Valerian. Les mauvais rêves (in francese)

Sente/Jigounov, XIII. Il giorno del Mayflower. L’esca

Charlier/Giraud, Blueberry. Il fuorilegge / Angel Face

Charlier/Giraud, Blueberry. La tribù fantasma / L’ultima carta

Charlier/Giraud, Mister Blueberry / Ombre su Tombstone

Charlier/Giraud, Dust

Igort, Quaderni giapponesi. Il vagabondo dei manga

Tardi, Le straordinarie avventure di Adèle Blanc-sec. Libro I

Zerocalcare, Macerie prime. Sei mesi dopo

Goscinny / Uderzo, Asterix und der Alvernerschild (in tedesco)

Corgiat / Zuccheri, The Swords of Glass

Karl Kerschl, The Abominable Charles Christopher, vol. 1

Radice /Turconi, Tosca dei boschi

Gipi, Boschi mai visti

Peanuts, tutte le strisce e le tavole domenicali da ottobre 1950 a febbraio 1962

 

Film (visti o rivisti) (54)

Chissà perché capitano tutte a me (1980), con Bud Spencer – DVD

Una notte al museo (2006) – TV

Una notte al museo 2 – TV

Coco – al cinema (bello, tanto)

Lo chiamavano Bulldozer (1978), con Bud Spencer – DVD

Cenerentola (2015) di Kenneth Branagh e Uoldisney – in TV (melenso)

Bomber (1982), con Bud Spencer – DVD

Un chant d’amour (cortometraggio di Jean Genet) – Vimeo

Jumanji 2 – al cinema (vuol essere un fumettone, e quello è)

Spaceballs – Balle Spaziali (1987) – DVD

Jumanji – DVD

Dumbo – DVD

L’uomo che volle farsi re (1975) di John Houston in TV (maestoso)

I primitivi (cartone animato) – al cinema (colpo di sonno tremendo per metà del film)

Robinson Crusoe (1997), con Pierce Brosnan – in TV (politicamente corretto; pure troppo)

Les mistons (cortometraggio, 1957) di François Truffaut – Vimeo (incantevole)

New York, New York (1977) di Martin Scorsese – DVD (prolisso, squilibrato, ma a tratti geniale)

Pomi d’ottone e manici di scopa (1971) – VHS

La meglio gioventù, di Marco Tullio Giordana – DVD, a scuola

Solo. A Star Wars Story – al cinema (per appassionati)

Jurassic World. Il regno distrutto – al cinema (telefonatissimo)

Jonny Stecchino – in TV (quando Benigni faceva ancora commedie decenti)

Star Trek. L’ira di Khan – in TV (vintage, ma sempre gradevole)

Jurassic Park 3 – in TV (un videogioco in forma di film)

Star Trek. Alla ricerca di Spock – in TV (cfr. sopra L’ira di Khan)

La bella e la bestia (film Disney, 2017) – cinema, al campeggio (superfluo)

WALLE (2008) della Pixar – DVD (sempre carino)

Tutta colpa del Paradiso (1985) di Francesco Nuti – DVD (bello, lunare, commovente)

Per qualche dollaro in più, di Sergio Leone (confesso: non l’avevo mai visto)

Un sacchetto di biglie (2017), di Christian Duguay – al cinema (sontuoso, lacrimoso)

Superman (1978) di Richard Donner – in TV (invecchiato maluccio)

Ritorno al futuro (1985) – in TV (per niente invecchiato, sempre pimpante)

Aladdin (1992) della Disney – DVD

Kate e Leopold (2001) – in TV (commedia romantica, e ho detto tutto)

La battaglia di Alamo (1960), di e con John Wayne – in TV

Il regno proibito (2008), con Jackie Chan – in TV

Mrs. Doubtfire – DVD

I Simpsons. Il film – DVD

Hotel Transilvania 3 – al cinema (trama detestabile, ma invenzioni visive notevoli)

Waterworld (1995), di Kevin Reynolds, con Kevin Costner – in TV (fuori tempo massimo)

Colpo rosso al Drago Rosso (2001), con Jackie Chan – in TV (Jackie Chan è il nuovo eroe di mio figlio)

L’ultima legione (2007) – in TV (cagata kolossale su tutti i fronti)

Zanna Bianca (cartone animato, 2018) – al cinema (melenso)

Godzilla (2014) – in TV (momentone trash)

Caccia al ladro (1955), di Hitchcock – in TV (eh, sì, non avevo mai visto nemmeno questo)

Menocchio (2018) di Alberto Fasulo – al cinema (ieratico, caravaggesco)

Il Grinch (2018) – al cinema (semplice semplice semplice semplice; divertente)

Il ritorno di Mary Poppins (2018) – al cinema (dormito tutto il secondo tempo)

Ladyhawke – in TV

Divorzio all’italiana – in TV

Cenerentola (1950) della Disney – in TV (mai visto neanche questo, ebbene sì)

Beetlejuice (1988) di Tim Burton – in TV

Ritorno al futuro Parte II (1989) di Robert Zemeckis – DVD

bilanci

Il 2018 ha segnato la definitiva frattura nel rapporto con la poesia, mia e altrui.
Ciò che scrivo – e che ho scritto negli ultimi due anni o giù di lì – mi sembra nel migliore dei casi inutile, nel peggiore irritante.
Quanto alla poesia altrui, di tutti i libri (una sessantina) letti nel 2017 e 2018, gli unici che mi abbiano veramente colpito e lasciato qualcosa sono:
 
– L’Oscar Mondadori con tutte le poesie di Vittorio Sereni (uno dei pochi veri classici del secondo Novecento italiano);
 
– “Cosa resta” di Walter Cremonte (un piccolo libro di resistenza davanti al Nulla);
 
– “La pura superficie” di Guido Mazzoni (anche questo una fenomenologia del Nulla, indagato però con occhio clinico e disincantato);
 
– “Groppi d’amore nella scuraglia” di Tiziano Scarpa (per l’invenzione linguistica e il senso del grottesco);
 
– “La camiceria brillante” dei miei anni di Simona De Salvo (una voce fresca, che si stacca dal panorama delle patrie lettere);
 
– L’Orlando Furioso (che, confesso, a 43 anni per la prima volta ho letto integralmente);
 
– i Sonetti di G.G. Belli (l’Ottocento italiano ha prodotto pochi veri poeti, ma il Belli è uno di loro);

– un delizioso libro di filastrocche di Ted Hughes – poeta che ho sempre amato molto – intitolato “Moon-Whales”, comprato per caso su una bancarella dell’usato a Dublino, in cui giochi di parole, rime e assonanze danno vita a strabilianti fantasie surreali;
 
– la vecchia edizione einaudiana (1990) dei “Versi scelti” di Franco Fortini, che possiedo da venti o venticinque anni e alla quale ogni tanto ritorno come a un oracolo (anche se non credo di averla mai letta tutta dall’inizio alla fine).
 
Qual è il filo conduttore? Forse il rifiuto della lirica (ad esempio, mi è capitato di rileggere Milo De Angelis, un poeta che è stato fondamentale per me fino a qualche anno fa, e di scoprire che non mi dice più nulla).
 
Non so se queste siano le possibili tracce di un percorso, ma tant’è.
 

[Poi, ho ritenuto superfluo – ma forse non lo è – sottolineare che torno sempre ad abbeverarmi a certe fonti originarie: la Divina Commedia, Orazio, Leopardi, Montale, Baudelaire; e così via.]

 

cronaca

A quanto pare Anna Maria Franzoni
esce ogni giorno per fare la spesa.
Ha il marito, due figli, si proclama
innocente; però non vive a Cogne.
Erika è laureata, la sua tesi
in Lettere: su Socrate, Platone
e la ricerca della verità.
Ma non trova lavoro, si lamenta:
“È il mio passato”. Ha trentaquattro anni.
Omar ha moglie, un figlio, fa il barista.
Olindo e Rosa sono entrambi in carcere,
però si vedono due volte al mese.
Lui cura l’orto, segna tutti i giorni
quali piante ha innestato, quali fiori
sono sbocciati e quali sono morti.
Io non mi so indignare: tutti i torti
non li hanno, né io ho tutte le ragioni.

misiristampa (misi)

Condivido la scoperta che ho appena fatto, passando per caso in libreria.
L’editore Arcana ha ristampato la mia “Breve storia del pianoforte jazz”, uscita in origine nel 2015 e passata pressoché sotto silenzio, tranne per quegli happy few che l’hanno letta.

Sapevatelo. E, se volete, approfittàtene.